Holocaustica Religio, una Contro-Religione in un Mondo alla Rovescia

holocaustica-religio

HOLOCAUSTICA RELIGIO

Una contro-religione in un mondo alla rovescia

Abraham H. Foxman, direttore dell’Anti Defamation League of B’nai B’rith ha detto: “l’olocausto non è semplicemente un esempio di genocidio, ma un attacco quasi riuscito abraham-foxman-graballa vita dei figli eletti di Dio, e perciò a Dio stesso” (cit. in Peter Novick, Nach dem Holocaust, Stuttgart, Deutsche Verlags-Ansalt, 2011, p. 259).

Per il giudaismo talmudico la shoah ha una valenza religiosa poiché Israele è il “dio” dell’umanità e Gesù un impostore. Perciò il cristiano non può non interessarsi di questo falso “dogma”, che distruggerebbe la Fede del Vangelo. Rifiutarsi di farlo significherebbe rinnegare implicitamente l’unicità dell’Olocausto di Cristo, unico Redentore dell’umanità intera.

La teologia cattolica insegna che il giudaismo è responsabile della morte del Verbo Incarnato, vero Dio e vero Uomo. Tutti i Padri della Chiesa (Tradizione) fondandosi sulla S. Scrittura e sul Magistero (cfr. Pio XI, Mit brennender Sorge, 1937) lo asseriscono.

Il Dottore Ufficiale della Chiesa, san Tommaso d’Aquino, spiega: “sebbene i giudei non abbiano potuto uccidere la divinità di Cristo, tuttavia essi hanno ucciso la sua umanità, che sussiste nella Persona divina del Verbo. Quindi il peccato dei giudei è di tentato deicidio” (In Symbolum Apostolorum, a. 4, n. 912).

Perciò conclude: “quindi i giudei peccarono non solo contro l’umanità di Cristo, ma come crocifissori del Dio incarnato / tamquam Dei crucifixores” (S. Th., III, q. 47, a. 5, ad 3) e aggiunge: “judei Deum crucifixerunt / hanno crocifisso Dio-Figlio in quanto facente sussistere in Sé la natura umana e quella divina” (S. Th., III, q. 47, a. 5, in corpore).

Il neo-modernismo, a partire dalla Dichiarazione Nostra aetate (1965) ha cercato di negare la dottrina del deicidio, contenuta nella Scrittura e nella Tradizione (Rivelazione divina) ed insegnata dal Magistero tradizionale della Chiesa (ufficio della retta interpretazione della Rivelazione divina).

Una studiosa di patrologia di origini israelitiche, Denise Judant, ha scritto: “Il tono di Nostra aetate è molto diverso da quello dei Padri. […] I Padri ecclesiastici unanimemente e quindi infallibilmente hanno accusato l’insieme del popolo ebraico di aver condannato a morte Gesù” (Judaisme et Christianisme, Parigi, Cèdre, 1969, p. 87).

Il cattolico che vuol conservare la Fede integra e pura, senza la quale è impossibile piacere a Dio (S. Paolo, Rom., X, 9; S. Atanasio, Simbolo Quicumque), per il principio per sé noto di non-contraddizione non può aderire, assieme e sotto lo stesso rapporto, a Nostra aetate e alla Rivelazione divina, contenuta nella S. Scrittura e nella Tradizione, interpretate dal Magistero tradizionale.

La Rivelazione, la Fede, la Dottrina cattolica o la si accetta integralmente come è ed allora essa apre la via al Cielo, se è accompagnata dalle Buone Opere o dalla Carità soprannaturale, oppure, anche se si nega un solo Articolo o Verità di Fede, la si rigetta per intero, ed allora si imbocca la strada per l’Inferno, poiché “senza Fede è impossibile piacere a Dio” (Ebr., XI, 6).

Infatti, o Gesù è vero Dio e vero Uomo e quindi il giudaismo rabbinico è colpevole di deicidio, oppure Israele è Dio e quindi ogni attentato contro esso e i suoi appartenenti è deicida e la nuova religione è quella della shoah. Tertium non datur. Non può esser vera la terza tesi del “giudeo-cristianesimo” secondo cui Gesù è Dio, Israele pure e solo la shoah è il Male assoluto. “Per la contraddizion che nol consente!” (Dante).

Quando Benedetto XVI nel 2009 ha detto che per esercitare il sacerdozio e l’episcopato nella Chiesa occorre credere alla shoah (il caso Williamson) non solo ha commesso un grave abuso di potere, ma ha imboccato in maniera ancor più radicale la falsa strada del giudaismo talmudico, che divinizza Israele e nega la divinità di Cristo.

L’ambiente cattolico non ha voluto capire la portata anti-cristica del caso Williamson (a prescindere dalla persona vescovo in questione) valutando unicamente la dottrina che soggiace ad esso.

Non si tratta di essere per una persona o per un’altra, ma per Cristo (vero Dio e vero uomo) o contro Cristo. “Chi non è con Me è contro di Me” (Mt., XII, 30). Ora senza Gesù Cristo non si entra nel Regno dei Cieli. Non è questione personale ma dottrinale.

Se per ingenuità e in buona fede si è caduti nella trappola che porta all’implicita negazione del Cristianesimo ci si rialzi umili, contriti e fiduciosi ricorrendo alla Misericordia di “Colui che hanno crocifisso” (Gv., VII, 31) e si confuti il falso dogma della “holocaustica religio”.

San Tommaso insegna che Gesù Cristo ha predicato agli Ebrei senza paura di urtarli (S. Th., III, q. 42, a. 2): «Il Profeta aveva annunciato che il Cristo sarebbe stato per le due case di Israele una pietra d’inciampo e di scandalo (Is., VIII, 14). La salvezza del popolo deve essere preferita alla pace di qualsiasi individuo o famiglia in particolare. Perciò quando vi sono degli uomini che, per la loro cattiveria, impediscono la salvezza della moltitudine, colui che predica non deve aver timore di offenderli per provvedere alla salvezza del popolo. Ora gli scribi ed i farisei erano un grande ostacolo alla salvezza del popolo, sia perché erano nemici della dottrina di Cristo che era l’unico mezzo per poter essere salvati; sia perché corrompevano la vita del popolo coi loro costumi sregolati. Quindi il Signore, senza paura di offenderli, insegnava pubblicamente la verità che loro odiavano e li rimproverava per i loro vizi. Anche noi quindi, se vogliamo davvero il bene degli ebrei, dobbiamo predicare la verità così come Gesù Cristo l’ha predicata e così come la Chiesa – mediante i suoi Dottori – ce la propone a credere, senza annacquamenti. Infatti S. Gregorio insegna che “Se lo scandalo viene dalla verità, bisogna sopportare piuttosto lo scandalo, che abbandonare la verità” (Homil. VII in Ezech.)».

Che lo Spirito Paraclito ci dia la fortezza per continuare a farlo senza annacquamenti e compromessi.

d. Curio Nitoglia

20/12/2013

http://doncurzionitoglia.net/2013/12/20/holocaustica-religio-una-contro-religione-in-un-mondo-alla-rovescia/

.

.

.

This entry was posted in Articoli don Curzio Nitoglia, morale cattolica, Olocausto, San TOMMASO D’AQUINO, Spiritualità and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to Holocaustica Religio, una Contro-Religione in un Mondo alla Rovescia

  1. Pingback: Auguri per un sereno S. Natale & Buon 2014 ~ Anche se tutti, noi no | Terra Santa Libera

Comments are closed.